RADICI E LEGAMI DI SANGUE

Posted on Mag 28, 2015 in Anna Paghera, Green
RADICI E LEGAMI DI SANGUE

SE ESISTE UN SANGUE DI DIVERSO COLORE, IL MIO E’ VERDE CLOROFILLA.

Da 5 generazioni la mia famiglia si occupa di verde.
Lo racconta anche il nostro cognome: Paghera. Un tempo, quando i nomi svelavano la provenienza da luoghi precisi, o il grado di parentela che legava le persone, o il mestiere che si tramandava di padre in figlio, la “paghera” significava due cose: la provenienza dalla Val Paghera o la paghera, un fitto bosco di abeti rossi, varietà che nel dialetto locale era chiamata “pagher”.

Di piante, fiori, frutti e terra sentivo parlare ogni giorni, ogni momento. Natura e radici
Sono cresciuta con un papà che adorava il suo mestiere di coltivatore. Conosceva ogni pianta, ogni arbusto, ogni varietà e, da sempre, indicandomi una foglia o un fiore, pronunciava un nome, spesso troppo elaborato e difficile da ricordare. Ma, nel tempo, senza nemmeno rendermene conto, ho fatto mio un vasto vocabolario botanico. Sotto la sua guida appassionata ho capito che la Natura ha ritmi imprescindibili. Che se ti prendi cura di lei, ti ripaga con abbondanza. Che a molti fiori corrispondono molti frutti. Che le piante, come le persone, non sono tutte uguali: alcune si ammalano, altre no. Anche se vivono nello stesso luogo, si cibano della stessa terra e bevono la stessa acqua. Dalla Natura ho imparato che non ti devi fidare delle apparenze. Come nella vita. Colori e fiori sgargianti e appariscenti spesso sono l’espediente per ingannevoli richiami. Ci sono foglie, fiori, bacche e cortecce il cui latte è velenoso. Altre che invece puoi assaggiare. E come mi ha insegnato mio padre: “Solo se assaggi una pianta, il suo sapore ti apparterrà per sempre”. Una metafora di vita, se vogliamo, che si traduce in conoscenza, esperienza, emozione. Se conosci sai. Se sai, ti butti. Se ti butti fai esperienza. L’esperienza genera emozione. L’emozione arricchisce l’anima.

An. Ph

Lascia un commento